NELLA CONTINUITÀ STORICA ARMONIA E LIRISMO NEI DIPINTI DEL MAESTRO IVAN PILI                Nelle   splendide   opere   d’arte   del   maestro   Ivan   Pili   rivive   la   tradizione   della   pittura   classica   e   romantica ottocentesca   che   si   evolve   in   un   linguaggio   figurativo,   seguendo   le   orme   dei   grandi   maestri   del   passato storico,   mentre   il   segno   scorre   veloce   e   deciso   nell’abilità   grafica,   tra   valori   soffusi   ed   effetti   chiaroscurali nell’interpretazione autentica del reale con un suggestivo verismo descrittivo.                Così,   nei   suoi   dipinti   vi   è   un’immersione   nel   passato,   un   gusto   di   una   pittura   nostalgica   patinata   d’antico che   manifesta   il   desiderio   dell’autore   di   superare   condizionamenti   e   le   mode   dei   tempi   odierni   per   rivivere l’emozione di un glorioso passato storico, ricco di nostalgia e di profondi contenuti sia sacri che profani.             L’essenzialità   simil-caravaggesca   si   manifesta   nella   costante   ricerca   di   effetti   chiaroscurali   che   risaltano nell'avvolgente    e    soffusa    luminosità    che    traspare    negli    intensi    ritratti,    dove    l'accentuazione    romantica ripercorre   un   luminoso   colorismo   nella   sua   ritrattistica,   tra   lievità   coloristiche   e   trasparenze   che   rendono   la pittura   squisitamente   moderna,   di   grande   intensità   lirica   con   un   taglio   quasi   fotografico,   mentre   subisce   un passaggio   verso   una   dimensione   sognante,   in   cui   le   immagini   cedono   il   passo   alla   memoria.   E’   evidente nell’arte   pittorica   di   Ivan   Pili   la   illustre   lezione   del   tardo   neoclassico,   ricreando   sulle   orme   del   veneziano Francesco   Hayez   una   modalità   stilistica   di   grande   suggestione   verista   e   di   nobile   pathos   nel   luminoso colorismo   di   ascendenza   veneziana,   dove   risalta   un’alta   sintesi   formale   e   costruttiva   basata   sugli   effetti chiaroscurali, quella luce particolare e soffusa che modula le forme nella loro integrità.                È    chiaro   che   il   maestro   Ivan   Pili   ha   l’abile   capacità   esecutiva   di   fermare   il   tempo   nella   sua   storia, mediante   la   sensibilità   artistica,   evocando   periodi,   momenti   che   narrano   con   diversificati   stili   i   soggetti storici.   Questo   importante   percorso   d’arte,   senza   il   quale   oggi   non   potremmo   comprendere   la   sua   creatività d’artista,   lo   ispira   a   realizzare   dipinti   che   richiamano   il   filone   Iperrealista,   curando   le   minuzie   grafiche   e coloristiche   per   dare   alle   immagini   un’impressione   visiva   di   un   verismo   descrittivo   e   naturalistico,   mentre s’inoltra nella dimensione evocativa dell'autore per cogliere il senso della vita.                Ecco   che   allora,   appaiono   nell'incanto   del   reale,   visioni   di   personaggi   della   memoria   in   un   dialogo silenzioso   con   la   natura,   con   il   mondo   animale,   ritratti   di   teneri   volti   nell'innocenza   dei   bimbi   e   l'armoniosa figura   di   donna,   tra   limpide   sorgenti   d'acqua,   suscitando   un   senso   di   stupore,   come   se   fosse   un   arcano   da scoprire   nella   sua   intimità.   Tutto   si   armonizza   nella   luce   nei   dipinti   di   Ivan   Pili   per   cogliere   con   l'attenzione estrema    e    col    massimo    di    sensibilità    quel    certo    punto-luce,    quella    gradazione    esatta    di    tono,    quella vibrazione dell'atmosfera, mentre smuove antichi ricami alla luce di una finestra che si apre all'aria.                Ecco   perché,   le   immagini   di   Ivan   Pili   via   via   si   evolvono   in   visioni   di   onirica   bellezza   verso   un   logos ideale   di   emozioni,   attraverso   l’alchimia   coloristica   dei   toni   terrosi,   dei   verdi   muschiati   e   gli   azzurri   tenui, nell’abbandono   alle   forze   del   sogno   e   dell’inconscio   in   un'evasione   spirituale.   In   tal   modo,   le   immagini aprono   varchi   all’aria,   alla   luce   ed   insieme   costruiscono   forme   e   figure   che   via   via   esprimono   purezza   nella luminosità.   E   proprio,   la   luce   interpreta   non   solo   l’aspetto   fisico,   ma   traduce   sentimenti   lirici,   dove   la   stessa rappresentazione   dei   soggetti   assume   un   significato   esistenziale,   intuendo   ciò   che   i   sensi   non   possono percepire.    Sta    qui    il    fascino    nei    dipinti    del    maestro    Ivan    Pili:    il    linguaggio    pittorico    coglie    nella    lirica trasfigurazione   del   reale   simbologie   ed   allusioni   della   vita,   l’invisibile   ed   il   segreto   delle   cose,   dove   la   natura entra   nel   quadro   filtrata,   quindi   riassaporata   senza   costrizione   per   percepire   l'esigenza   primaria   di   dialogo con   il   dato   naturale,   inteso   anche   e   soprattutto   come   illusione,   straniamento,   magia,   in   cui   aleggia   pura poesia. Carla d’Aquino Mineo
Ivan Pili
Benvenuto

Benvenuto

NELLA    CONTINUITÀ    STORICA    ARMONIA    E    LIRISMO    NEI DIPINTI DEL MAESTRO IVAN PILI                Nelle   splendide   opere   d’arte   del   maestro   Ivan   Pili   rivive   la   tradizione della   pittura   classica   e   romantica   ottocentesca   che   si   evolve   in   un linguaggio   figurativo,   seguendo   le   orme   dei   grandi   maestri   del   passato storico,   mentre   il   segno   scorre   veloce   e   deciso   nell’abilità   grafica,   tra valori   soffusi   ed   effetti   chiaroscurali   nell’interpretazione   autentica   del reale con un suggestivo verismo descrittivo.                Così,   nei   suoi   dipinti   vi   è   un’immersione   nel   passato,   un   gusto   di una    pittura    nostalgica    patinata    d’antico    che    manifesta    il    desiderio dell’autore   di   superare   condizionamenti   e   le   mode   dei   tempi   odierni   per rivivere   l’emozione   di   un   glorioso   passato   storico,   ricco   di   nostalgia   e   di profondi contenuti sia sacri che profani.             L’essenzialità   simil-caravaggesca   si   manifesta   nella   costante   ricerca di   effetti   chiaroscurali   che   risaltano   nell'avvolgente   e   soffusa   luminosità che    traspare    negli    intensi    ritratti,    dove    l'accentuazione    romantica ripercorre    un    luminoso    colorismo    nella    sua    ritrattistica,    tra    lievità coloristiche     e     trasparenze     che     rendono     la     pittura     squisitamente moderna,    di    grande    intensità    lirica    con    un    taglio    quasi    fotografico, mentre   subisce   un   passaggio   verso   una   dimensione   sognante,   in   cui   le immagini   cedono   il   passo   alla   memoria.   E’   evidente   nell’arte   pittorica   di Ivan   Pili   la   illustre   lezione   del   tardo   neoclassico,   ricreando   sulle   orme del    veneziano    Francesco    Hayez    una    modalità    stilistica    di    grande suggestione    verista    e    di    nobile    pathos    nel    luminoso    colorismo    di ascendenza   veneziana,   dove   risalta   un’alta   sintesi   formale   e   costruttiva basata   sugli   effetti   chiaroscurali,   quella   luce   particolare   e   soffusa   che modula le forme nella loro integrità.                È    chiaro   che   il   maestro   Ivan   Pili   ha   l’abile   capacità   esecutiva   di fermare    il    tempo    nella    sua    storia,    mediante    la    sensibilità    artistica, evocando   periodi,   momenti   che   narrano   con   diversificati   stili   i   soggetti storici.    Questo    importante    percorso    d’arte,    senza    il    quale    oggi    non potremmo   comprendere   la   sua   creatività   d’artista,   lo   ispira   a   realizzare dipinti   che   richiamano   il   filone   Iperrealista,   curando   le   minuzie   grafiche e    coloristiche    per    dare    alle    immagini    un’impressione    visiva    di    un verismo   descrittivo   e   naturalistico,   mentre   s’inoltra   nella   dimensione evocativa dell'autore per cogliere il senso della vita.                     Ecco    che    allora,    appaiono    nell'incanto    del    reale,    visioni    di personaggi   della   memoria   in   un   dialogo   silenzioso   con   la   natura,   con   il mondo    animale,    ritratti    di    teneri    volti    nell'innocenza    dei    bimbi    e l'armoniosa   figura   di   donna,   tra   limpide   sorgenti   d'acqua,   suscitando   un senso    di    stupore,    come    se    fosse    un    arcano    da    scoprire    nella    sua intimità.   Tutto   si   armonizza   nella   luce   nei   dipinti   di   Ivan   Pili   per   cogliere con   l'attenzione   estrema   e   col   massimo   di   sensibilità   quel   certo   punto- luce,   quella   gradazione   esatta   di   tono,   quella   vibrazione   dell'atmosfera, mentre   smuove   antichi   ricami   alla   luce   di   una   finestra   che   si   apre all'aria.                Ecco   perché,   le   immagini   di   Ivan   Pili   via   via   si   evolvono   in   visioni   di onirica   bellezza   verso   un   logos   ideale   di   emozioni,   attraverso   l’alchimia coloristica    dei    toni    terrosi,    dei    verdi    muschiati    e    gli    azzurri    tenui, nell’abbandono    alle    forze    del    sogno    e    dell’inconscio    in    un'evasione spirituale.   In   tal   modo,   le   immagini   aprono   varchi   all’aria,   alla   luce   ed insieme   costruiscono   forme   e   figure   che   via   via   esprimono   purezza nella   luminosità.   E   proprio,   la   luce   interpreta   non   solo   l’aspetto   fisico, ma    traduce    sentimenti    lirici,    dove    la    stessa    rappresentazione    dei soggetti   assume   un   significato   esistenziale,   intuendo   ciò   che   i   sensi non   possono   percepire.   Sta   qui   il   fascino   nei   dipinti   del   maestro   Ivan Pili:   il   linguaggio   pittorico   coglie   nella   lirica   trasfigurazione   del   reale simbologie   ed   allusioni   della   vita,   l’invisibile   ed   il   segreto   delle   cose, dove    la    natura    entra    nel    quadro    filtrata,    quindi    riassaporata    senza costrizione    per    percepire    l'esigenza    primaria    di    dialogo    con    il    dato naturale,    inteso    anche    e    soprattutto    come    illusione,    straniamento, magia, in cui aleggia pura poesia. Carla d’Aquino Mineo
Ivan Pili